La produzione artistica di Floriana Vittani comprende due linguaggi espressivi: la Pittura e la Poesia. In ognuno di essi l'artista lavora per dare il meglio di sé con la libertà che le ritorna più stimolante e più congeniale ai fini del proprio carattere creativo, tecnico e sensibile. Ciò che primeggia nelle singole espressioni è la continua ricerca personale, la disponibilità di misurarsi con i quotidiani fascini dello sguardo e del sentire emotivo... tutto ruota attorno al gran mondo delle sollecitazioni che all'autrice giunge nella varietà delle multiformi sensazioni, le cui qualità sono gerarchicamente selezionate e ordinate nelle figure linguistiche delle suggestioni, nei tempi della pura percezione interpretativa. Ed è così che il contesto delle vicissitudini si lascia presto conquistare ai piaceri dell'azione creativa e alle vibranti atmosfere dell'arte... Passioni intense, vivaci, esistenziali incendiano l'intera produzione sia nella pittura, sia nella poesia. L'artista sa destreggiarsi con pieno fervore nei due settori realizzando intense opere cariche di contenuti. Al di là delle convenzioni strutturali, vince e conquista i fruitori la sincera convinzione e il tessuto culturale che l'artista lascia sgorgare dalla felice vena delle emozioni... Floriana Vittani si esprime con l'olio, le tecniche miste, l'assemblaggio, il collage... La scala della sua pittura segue la codificazione che va: da natura a cultura, da cultura a poesia. In pochi anni ha raggiunto superlativi risultati grazie alla sua determinata grinta nelle ricerche e nelle esplorazioni materiche. Molti argomenti la stimolano a misurarsi con un linguaggio assai complesso ma foriero di adorate passioni e conquiste poetiche; di sogni che infervorano la vita a traguardi difficili; di sentimenti che infiorano gli attimi e li piegano agli affetti sinceri dello sguardo emotivo...

Floriana accanto all'olio e alla tecnica mista ordinaria adopera gli assemblaggi con oggetti di eteroclita provenienza, sia naturali, sia manufatti, che, mescolati ai colori, incrementano l'impasto alla resa della predilezione emotiva. Anche il collage ha una parte importante nella storia dell'esperienza creativa della pittrice.

 

 

Recensione critica della dtt.sa Emanuela Dho Artista versatile e poliedrica, Floriana Vittani attraversa con grazia e naturalezza i confini tra le arti, tracciando un ponte sottile tra pittura e poesia. Le sue opere parlano il linguaggio forte ed immediato dei sentimenti, parole e colori si fondono dando vita a veri e propri mondi paralleli, in cui i sogni, emozioni e desideri prendono forma. E' una pittura materica, quella della Vittani, in cui la natura occupa uno spazio preponderante, diventando protagonista in prima persona. Tecniche e stili si alternano, seguendo la via tracciata da una fantasia accesa e trascinante, illuminata da una eccezionale capacità di cogliere empaticamente la verità nascosta dietro l'apparenza. Così, attraverso il filtro di una sensibilità lirica, l'osservazione della realtà è lo spunto per riflessioni accorate e toccanti, in cui lo sguardo della pittrice si sofferma su singoli istanti di vita, accarezzandoli in punta di pennello. I toni vibrano di luce, i riflessi si inseguono, le superfici si increspano, mosse da un respiro interiore: è l'arte che, a stento intrappolata nella tela, si proietta nel mondo, portando in esso un po' della sua magia.

 

 

Note linguistiche di Basilio Cardaci Presente in vari concorsi di poesia, ha pubblicato sue poesie nell’antologia della casa editrice Pagine di Roma, e per la stessa nell’Agenda del 2009; nel 2008 ha ricevuto il terzo Premio Nazionale di Poesia “Italo Calvino” nella Città di Sanremo e tre poesie sono state inserite nell’Antologia dei poeti italiani Edita dal periodico Studiart. Presente in vari concorsi internazionali è sempre stata premiata come finalista, menzioni speciali e di merito secondi e primi posti. Come nella pittura anche nella poesia Floriana Vittani percorre quella sua appassionata ricerca nel linguaggio della parola slasciandosi coinvolgere dai propri slanci emotivi, con espressiche illuminano i suoi versi di penetranti raggi lirici, nella freschezza lessicale che le sgorga dagli intimi coinvosentimento.. La sua vena poetica è molto legata alle vicissituddella vita, del quotidiano, non si eclissa nella fuga dell’immaginario astratto o metafisico, è una poesia che contempla il reale senza sconti di sorta. È un reale guardato nel suo crudo fluire negativo e positivo, ma è sempre il lato ottimistico ad avere la meglio, al quale la Poeta si appiglia per un grande senso di fiducia che nutre in se stessa. Guarda con intensità percettiva e amore esistenziale la vita, perché sa che alla fine l’alloro della vittoria le farà da scudo impenetrabile… Sanremo – Palazzo del Palafiori – 20 dicembre 2008 Floriana Vittani riceve il Terzo Premio Nazionale di Poesia “Italo Calvino.

IL suo amore e il suo penetrante sguardo si sciolgono nella tenerezza del canto dinanzi a tutto ciò che scorre e trapassa nel suo oscuro destino inarrestabile, al di là del quale il largo abisso impenetrabile stende le sue ali e più e più s’inabissa staccandosi dallo sguardo timido e dall’animo scosso. Tutta la realtà del mondo, delle cose, dei sentimenti, trova asilo e terra fertile nella luce promettente della poesia, sublime sogno etereo e umano, fedele compagnia che sa rigenerare e regalare immacolate stagioni e suscitare nuove nascite efflorescenti e nuove epifanie alla vita orfana di sicure dimore cui anelare.. Da buona lettrice di vari argomenti e di diverse discipline, Floriana si può permettere di guardare con occhi disincantati gli accadimenti che la coinvolgono, cercando di smussare l’incongruenza dei fenomeni, ossigenandoli, redimendoli mediante la parola fatta poesia, tradotta nelle fiamme linguistiche del proprio vocabolario, accarezzata nell’immaginario sogno dei pensieri, custodita nei caldi paesaggi dell’animo, auscultata nei ritmi metrici delle illuminazioni, spremuta nei tepori dei battiti esistenziali.. Il mondo, le cose, l’ambiente, la società, gli affetti, la vita nel suo farsi e disfarsi, sono tutti argomenti che tornano spesso nella poesia di Floriana Vittani, vissuti dall’autrice con profondo e responsabile gesto di umana osservazione e di umana comprensione. Talvolta il grido si fa più intenso come a chiedere una giustificazione per quanto accade nel mondo; è un’invocazione che si spinge al di là delle forze fisiche, tocca il senso metafisico senza recidere mai il filo con la realtà della vita: è accorata sollecitazione ad una forza sovrumana perché guardi con pietà tutto ciò che soccombe alla fragilità, all’impotenza delle energie umane… Altre volte Floriana trova respiro nel piacere della contemplazione, nella musicalità che le giunge dalla sua simbiosi con l’ambiente, dal quale coglie il brusio di una vita diversa, non sua; e già sente lievitare nell’animo il livello di un sentito slancio esistenziale che le sussurra teneri versi e tempi di fioriture, mentre l’avvenire striscia leggero e attende latente nella cortina del mistero sospeso…

SANREMO Dipinti e poesia ecco l'arte di Floriana Vittani DI MARCO CORRADI -LA STAMPA- Pittrice ma anche poetessa. Floriana Vittani incarna il prototipo dell'artista che non si cimenta in una sola forma espressiva ma, grazie a un innato eclettismo, esprime la sua creativita' investendo campi diversissimi (ma forse solo in apparenza) come quelli della letteratura e della pittura. Se (forse) la Vittani e' conosciuta oggi piu' come pittrice, vale la pena andare a leggere la sua ultima raccolta di liriche, «Malinconie d'autunno». Ventisei composizioni che prendono spunto dagli affetti familiari, la figlia, la madre o il padre; oppure da particolari della natura siano alberi o palme, o piccole creature come api. O ancora elementi atmosferici come la pioggia e la neve. In ogni caso quanto appare all'esterno e' subito interiorizzato e rielaborato attraverso profonde riflessioni. Il piu' delle volte sconsolate e amare o velate da malinconia, come d'altronde ricorda lo stesso titolo dell'opera. Una parte importante e' poi riservata all'amore.

Floriana Vittani e' stata finora parecchio apprezzata come pittrice. Ha esposto al Circolo artistico, Palafiori, Villa Ormond, al Premio Saturate di Genova e a Villa Boselli ad Arma e ancora all'esposizione nazionale d'arte contemporanea 2008 Hars Habitat a Palazzo Ratto-Picasso di Genova. \ Floriana Vittani anche quest’ artista, lavora unendo la scrittura alla pittura, pittura e scrittura si unisco per esprimere i sentimenti, l’amore, i colori, quelle lievi sensazioni che molte volte sono difficili da raccontare, si cerca quindi una sorta di equilibrio:Gioia dei nostri occhi e del cuore, unione tra cielo e terra, anima e corpo, passato e futuro. MARICA PETTI MATERICA, LINEE, SOLCHI, RILIEVI IN COLLA.

 

Premi POESIA EDITA MALINCONIE D'AUTUNNO DI FLORIANA VITTANI RECENSIONE COMMISSIONE ESAMINATRICE Le liriche di Floriana Vittani svelano con garbo e delicatezza i suoi sentimenti rivolti alla vita in ogni sua sfaccettatura e cogliendone sapientemente anche le sfumature, riesce ad affrontare le problematiche della realtà con perizia straordinaria senza mai cedere alla facile composizione. Dal contesto si evince l'ottimismo della poetessa e questo si rileva, soprattutto, nella lirica " Vai oltre " senza fermarsi perchè il giorno più bello sarà domani.

Poeta e pittrice. Catalogo D'Arte 2009 Catalogo delle quotazioni 2010-2011 Casa Editrice Alba Rivista d'arte Boè 2010 Pianeta donna Leone d'oro per l'Arte 2011 - Sirmione- Premio della critica ARTEXPO' GALLERY Sentimenti ed immagini in perfetto equilibrio rappresentativo, dal gusto estetico, raffinato e poetico, ci offrono visioni dalle grandi suggestioni emotive. Le visioni di vita quotidiana sottolineano la freschezza della sua spontaneità come punti di riferimento, filtrati dai suoi ritmi espressivi. MariaRosa Belgiovine (critico d'arte e direttrice Artexpo' Gallery)

 

Numerosi altri premi mi sono stati elargiti sia come  Poeta che Pittrice